Il Respiro

respiro.jpg

Un elemento cardine della nostra cultura, è il concetto di dualità. Se osserviamo con un poco di attenzione, vediamo che tutto sembra confermare questa tesi: notte e giorno, caldo e freddo, bianco e nero, pieno e vuoto, destra e sinistra, due mani, due piedi, due occhi... e ancora, e ancora!

Abbiamo detto di voler parlare della ricerca interiore e ovviamente, dobbiamo ricordare che c'è anche quella esteriore. Abbiamo parlato di presa di coscienza, il che fa pensare che ci possa essere anche una condizione senza coscienza.

Abbiamo detto, ricerca interiore e coscienza di sé in rapporto con il quotidiano.

Il quotidiano presenta due aspetti: il vissuto e il desiderato: due facce della stessa medaglia che è rappresentata da noi stessi.

Ha un effettivo valore scindere il vissuto dal desiderato o piuttosto, vedere i due differenti atteggiamenti del nostro io nella ricerca di ciò che noi siamo?

La conoscenza di se stessi produce il fenomeno della comprensione del reale e del desiderato nella ricerca dei valori essenziali della vita.

Siamo culturalmente abituati a vedere un dentro e un fuori e spesso dimentichiamo che il dentro è lo specchio del fuori, e il fuori è lo specchio del dentro.

La fisica quantistica sostiene che tutto ciò che noi viviamo è generato dalla nostra mente, quella che noi chiamiamo realtà rappresenta un fenomeno.

C'è un mezzo obiettivo per giungere alla coscienza di se stessi senza cadere in forme ipnotiche, paradossali?

CERTAMENTE SI!

Un giorno ci dissero che Qualcuno con un soffio aveva posto la vita nella creta...

Ricordiamo,  ....forse questo è un poco più difficile! ... che qualche anno fa, la nostra nascita è stata determinata dal primo vagito, dal primo respiro della nuova vita?

Ancora nessuno di noi in questo presente ha vissuto quel momento, ma verrà un giorno in cui con un respiro concluderemo la nostra vita terrena.

Mi sembra che il respiro sia molto significativo. Esso avviene sia in modo spontaneo che in modo indotto.

Inspiriamo, espiriamo, uno due, un ricordo della dualità.

L'atto di inspirare comporta una accettazione, l'atto di espirare comporta una offerta.

Il respiro, la respirazione comincia ad assumere una identità: accettare e offrire.

L'atto di inspirare comporta una accettazione dell'esterno.

L'atto di espirare comporta una offerta, dell'interno.

Inconsapevolmente noi viviamo questo rituale energetico dalla nascita alla morte.

La respirazione neo natale è presto abbandonata. Il respiro si adatta ai bisogni del corpo, siano essi fisici che psichici. Attarverso la respirazione mettiamo in movimento attività fisiologiche che permettono il nutrimento dei tessuti, l'eliminazione delle scorie, la trasformazione di tutto ciò che entra in contatto con il corpo.

Il respiro genera equilibrio energetico con conseguente controllo delle emozioni e della mente. La consapevolezza data dalla respirazione produce serenità, equilibrio, forza.

Il respiro apre la porta segreta che ci pone in contatto con l'energia cosmica.

Il respiro è un dono da apprezzare e da saper utilizzare. Gli antichi ci hanno lasciato 'modernissime' tecniche che chiedono di essere studiate, applicate perchè noi si sappia utilazzere in modo appropriato questo dono che non ha eguali: il respiro.

Lucia Tommasini

  • Visite: 1553

© 2016-2018 - Università Popolare di Naturopatia Classica a orientamento biodinamico - Centro Storico, 6 San Vito di Narni (TR) - Umbria - Via Benaco, 7, 00199 Roma
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.